martedì 30 ottobre 2012

Leno ai caduti nella Grande Guerra 1915-18

Nell'ottobre del 1927 una piccola pubblicazione rende onore ai "Caduti di Leno nella Grande Guerra". Lo scritto rievoca principalmente la storia di Leno a partire dalle origini dell'antica abbazia, sino agli inizi del novecento,  tratteggiando in breve alcune figure di uomini ricordati come "egregi e benemeriti". E' l'anno in cui, "...finito il grande conflitto mondiale, ricordando con largo respiro di sollievo i giorni tristi e burrascosi della guerra...i Lenesi piantarono prima il Parco della Rimembranza, poi il monumeto ai Figli Caduti per la Patria..."
Le fotografie che proponiamo, tratte dalla pubblicazione del 1927, ci raccontano particolari originari del bozzetto del Monumento ai Caduti e dell'attuale piazza C. Battisti.

La circostanza della pubblicazione è ricordata in questo modo da Luigi Cirimbelli (in Leno, dodici secoli nel cuore della Bassa, ottobre 1983).
16 ottobre [1927]. Inaugurazione del monumento ai Caduti della guerra mondiale 1915-18.
Il paese è imbandierato a festa, ma il cielo è piovoso. Poco dopo le 15 le autorità locali ricevono l'on. Turati, segretario generale del Partito fascista di Brescia, accompagnato dai signori Giarratana, Bonardi e dal prefetto. Uno stuolo di carabinieri in alta uniforme è comandato dal tenente della stazione di Verolanuova. Migliaia di fascisti sono presenti, in rappresentanza dei lori paesi: da Collio ad Asola a tutti i paesi della Bassa bresciana con il loro podestà. Si notano le bande di Leno, Gambara, Manerbio, Bagnolo, Palazzolo e Collio. Oratore ufficiale Enrico Bozzi, seguito dall'on. Turati.
Il monumento è opera egregia dello scultore bresciano Cirillo Bagozzi (Nozza 31.12.1890, Milano 15.6.1970). Il basamento è in granito e sorregge tre gruppi distinti di bronzo. a sinistra il gruppo del sacrificio, l'eroe che dà sepoltura al fratello caduto; a destra la Vittoria che prostra la barbarie teutonica; nel centro la Patria armata sorreggente nella destra una statuetta della vittoria.
E' dono della popolazione di Leno. Dopo la cerimonia, le autorità si recano alla posa della prima pietra all'asilo d'infanzia.
In questa circostanza il Comune pubblica una monografia dal titolo: Leno au suoi Caduti nella Grande guerra, la cui parte stoprica è dovuta a mons. Paolo Guerrini.

martedì 9 ottobre 2012

Catasto Acque Irrigue Comunali. Il comprensorio della Bassina

Mancano all'Archivio i due fogli mappa del comprensorio della Bassina, disegnati dall'ing. Barbera nel 1849.
Il comprensorio è tuttavia ricostruibile attraverso le mappe del catasto austriaco del 1853, accostando precisamente i fogli n. 31, 34, 35, 36, 39, 40, 44, 45.
In questo post si possono consultare
  1. Le indicazioni didascaliche che hanno accompagnato la mostra allestita nel Palazzo Comunale nel mese di giugno 2011
  2. Le mappe di epoca austriaca con le quali è ricostruibile il comprensorio della Bassina, accostandolesecondo la seguente struttura:


      3.   Il "Piano Organico" del Comprensorio Bassina.

Piano Organico del
Comprensorio Bassina


Translate

L'ARCHIVIO STORICO IN RETE CON LE SCUOLE PER EXPO

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...